DAM Studio Fisioterapico su Facebook    
 

La Storia

La Storia dello Studio DAM

Studio fisioterapico DAM nasce come studio professionale nel 1998, a Mesero, in un paese della provincia di Milano.
Con il tempo e la passione il titolare Francesco Masetti lo migliora con l’aiuto di alcuni colleghi tra i quali amici dai tempi dell’Università.
La famiglia del titolare lo aiuta e lo appoggia nello sviluppo di questo studio, soprattutto nella ristrutturazione strutturale necessaria  all’apportare migliorie al servizio.
Passano gli anni e con l’arrivo nell’organico amministrativo dello studio di Milena Grassi, moglie di Francesco, si fa il salto qualitativo passando da studio professionale a poliambulatorio medico, di cui diventa Direttore sanitario il Dott. Porta.
Vengono quindi portati nuovi servizi e nuovi specialisti all’interno dello studio.
Il tutto fa arrivare ad oggi dove gli specialisti e i colleghi si sono moltiplicati.
In questi anni vi sono stati molti cambiamenti ma non è cambiata l’impronta iniziale ovvero, l’allegria, la simpatia, la cordialità e quella voglia di non prendersi troppo sul serio, caratteristica che fa sentire i pazienti in un ambiente familiare dove si possono creare legami di amicizia.
Al termine di questa piccola introduzione chiariamo perché lo studio si chiami Dam.
Dam è colui che con il cuore e l’amore più di tutti ha voluto questo studio, è colui che ha gettato l’amo affinché l’attuale titolare prendesse la strada della fisioterapia, è colui che già dai tempi ci aveva visto lungo riguardo al futuro dell’attività dello studio, è colui che oggi segue dall’alto tutti i cambiamenti che sono nati da un’idea e da tutti quegli articoli ritagliati scrupolosamente dal Corriere della Sera.
Lui è Don Angelo Masetti ed è colui che ha scritto il Decalogo del fisioterapista e che ha fatto si che in questo studio si respiri un’aria diversa, un profumo difficile da ritrovare in ambienti simili.
Questa è la nostra marcia in più, non parliamo di doti professionali ma di voglia di vivere, di migliorare, di aiutare, non a caso chi lavora con noi, per noi e vuole rimanere con noi non può non avere queste caratteristiche.